Gastone Ranieri Indoni

Gastone Ranieri Indoni (alla presentazione dell’opera “Borghi e Metropoli “feb.2018 )

Un nuovo incredibile lavoro del Maestro Antonio Anastasia. Mi corre l’obbligo, oltre che il grande piacere, di salutare, segnalare, elogiare e promuovere, anche se non ha certo il bisogno del mio consenso, questo grande pittore, un Maestro, che ha imbottito di studio, ricerca ed applicazione l’iter della sua splendida carriera Nazionale ed Internazionale. Un genio Salentino trapiantato dal 1965 a Roma e cittadino del Mondo. Un artista a tutto tondo da meritarsi la stima del Prof. Sgarbi che lo ha definito” un raro esempio di artista dalla camaleontica possibilità espressiva che sa  declinare stilemi a suo piacimento dotato com’è di una tecnica sopraffina e che, proporsi oggi con opere capaci di rifarsi ad un Cubismo così aderente ai dettami e alle campiture e sfumature di personaggi come George Braque, Pablo Picasso e Paul Cezanne, occorrono Maestri altrettanto bravi non solo tecnicamente ma anche intellettualmente visto che accettare a priori un confronto con i più grandi significa possedere la loro stessa geniale mentalità.

Io posso aggiungere poco ma ci tengo a ricordare che resti e incarni per me il pittore ideale perché sai imprimere e obbligare la tecnica di cui sei dotato al volere periodico del tuo cervello e soprattutto all’espansione del tuo cuore. Sono veramente onorato di condividere la tua preziosa amicizia caro Antonio!

Altro commento di Indoni su un’opera – feb. 2020

Una istintività narrativa dalla sorprendente varietà di composizione e dalle conseguenti alternanze luminescenti dall’intercalare di riverberi, bagliori e rifrazioni che la dicono tutta sulla preparazione tecnica e la perizia descrittiva sciorinate con così grande competenza. Antonio Anastasia riesce a coniugare assoli inusitati per illustrare i suoi racconti che, a volte, come fossero cascate irruenti, si moltiplicano in gettiti, effluvi, rivoli e rigagnoli dalla normale cadenza di genere di stampo figurativo; oppure si dipanano in una sorta di magma informale che liquefacendosi assortisce i colori favoleggiando accostamenti inconsueti, rari, ma sempre ordinati e retti da una regia di intrigante e ardita eleganza. Si possono fondere allora resoconti desunti da un’intimità di stretta natura umana e deposizioni di nebulose aeriformi e gassose rubate a velate atmosfere boreali che sembra impossibile appartengano alle stesse mani creatrici, allo stesso nucleo o fulcro pensante. Il filo conduttore dei suoi excursus è sempre una grande passione mal repressa e così manifesta che sa amalgamare la tenerezza di campiture e pennellate come velature, al più violento rilascio di materia assemblata da una tecnica mista dalla resa ruvida asincrona e opalescente.

Altro Commento sull’opera “BugBaster “del marzo 2020

Gastone. Sensazionale: Contro l’eclettismoItaliano non c’è virus che tenga.Ho strappato letteralmente dalle mani del Maestro Anastasia, per fortuna mio caro amico, quest’opera, finita idealmente ma non pittoricamente, tanto mi è piaciuta l’idea di contrapporre al malefico nemico virus Covid19 questo eccezionale sciame di concepimento galattico e interspaziale, quindi ultraterreno, proprio perché sia subito dichiarato ed accettato vincente in partenza, fatto salvo come principio d’imbattibilità quasi fosse un antivirus soprannaturale.La sua colorazione attuata tecnicamente in modo magistrale dal Maestro Anastasia col già collaudato sistema del “Pointillisme” di Seurat  in un tipico rinnovato movimento futurista alla Boccioni, mi è sembrata una stupenda intuizione. Un’idea tanto bella quanto simpatica, colorata con un delicato richiamo al grande Van Gogh, e il fatto che ci siano tre nazionalità diverse dà anche il senso di rinnovata alleanza Europea. Il suo titolo è BugBuster che lo arricchisce di un mirato micidiale veramente incoraggiante.Forza ragazzi un pò di sano ottimismo ! Ma si. Sfruttiamolo il mio amico Maestro abituato un pò alle mie periodiche insolenti prepotenze.! Magari porta fortuna.                           “Questo signore uno dei pochi pittori al mondo che ha saputo far rivivere tre anni fa i fasti del cubismo come nessuno”. Parole di Vittorio Sgarbi all’indomani della visione di un dipinto-capolavoro del maestro Antonio Anastasia che rischia di raggiungere il Louvre di Abu Dahbi insieme a colleghi che si chiamano Alinari, Celiberti, Solimani, Tommasi, Ferroni, Vita, Abate ecc. Tutti Maestri abbonati a Fondazione Salonia Magazine. Non so se rendo l’idea!

Risposta dell’Artista: Caro amico Gastone, mi hai “rapito” confidenzialmente un’opera ancora in lavorazione e l’hai pure messa su Facebook in circolazione! Dovrò stare più attento, ma rimani un’amico. L’idea è scaturita pensando di contrapporre alla attuale pandemia del CoronaVirus-19 che ci sta massacrando un Antivirus, uno sciame in movimento proprio come i batteri che lo contrasti in attesa del vaccino e/o dei farmaci specifici che lo combattono. Quanto allo tecnica esecutiva bè, quella è scaturita istintivamente, cervello, mano e pennello hanno lavorato in simbiosi, perfettamente coordinati senza pensare a tizio o caio, anche se i grandi artisti che hai citato sono da sempre de me venerati.                                                               Gastone: Me lo hai detto tu una volta che la mia capacità era di fotografare i sentimenti degli artisti; e finché ci riesco mi avvalgo volentieri di tale capacità che oltretutto è facilitata proprio dallo spontaneo porgersi del Maestro in genere. Sei forte Antonio !

Risposta : Ciao Gastone, Come ben sai l’opera la ritenevo finita al 90%, cercavo quel qualcosa in più che le imprimesse più forza d’attacco e di speranza e fiducia. Ebbene, mi è venuta l’ispirazione nottetempo e stamattina dalle 7 alle 11,15 ho lavorato alacremente per completarla. Ho inserito su tutta la tela infinite pennellate di color ORO che rappresenta da sempre la LUCE, il calore del SOLE che trasmette forza ed energia vitale, indice di apertura, di liberazione, di sblocco. Tutte cose di cui ne abbiamo estremamente bisogno per combattere e allontanare questo maledettissimo covid-19. Posso ritenermi soddisfatto…forse !!!